VARATO M/Y BABBO,
NUOVO DARWIN CLASS 102'

12.05.2016


Cantiere delle Marche vara M/Y Babbo, 31 metri in acciaio e alluminio rispettando con grande precisione la data prevista, seconda consegna delle quattro unità Darwin Class 102’ già vendute.

Si chiama Babbo il nuovo Explorer Yacht in acciaio e alluminio di 31 metri e 244 GRT che Cantiere delle Marche ha varato pochi giorni fa per un armatore sudamericano e che sarà presentato ufficialmente al prossimo Yachting Festival di Cannes.

M/Y Babbo è una nave a tre ponti, realizzata su misura come tutte le imbarcazioni di Cantiere delle Marche, con spazi interni dalle volumetrie generose: 240 mq circa che racchiudono in ogni dettaglio l’essenza dello yacht Explorer, senza rinunciare alla qualità delle finiture manifatturiere ed al lusso tipico del mondo dei superyacht. E’ questa infatti una delle chiavi del successo di CdM: essere riusciti per primi a coniugare questi due mondi senza diluire la vera essenza di alcuno dei due.

M/Y Babbo si caratterizza per un layout particolarmente conviviale e per una grandissima attenzione alla dotazione di toys e diving center posti nell’enorme garage di circa 25 mq. Nella piattaforma di poppa potrà essere alloggiato un tender di 5 metri mentre sull’upper deck sarà posizionato un tender di 6.30 metri.

Come tutte le imbarcazioni della Classe Darwin, anche M/Y Babbo è stata progettata per navigare agevolmente anche in difficili condizioni marine, resistendo a venti di oltre i 50 nodi senza alcun problema dal punto di vista di seakeeping e in piena efficienza dei sistemi come hanno già provato gli altri modelli della stessa Classe che navigano ormai in tutto il mondo. Da sempre infatti, Cantiere delle Marche si contraddistingue per gli elevati standard progettuali che hanno reso le proprie imbarcazioni un benchmark di settore: scafo in acciaio 12 mm, piping in cupro nickel, generatori con parallelo automatico, frequency converter, stabilizzatori elettrici, sistemi di trattamento di acque nere, grigie e oli di sentina direttamente mutuati dal mondo delle navi da lavoro per utilizzi 24/365, certificazione MCA sono solo alcune delle caratteristiche standard della produzione CdM.

“Siamo incredibilmente soddisfatti del risultato raggiunto anche questa volta: la qualità dei nostri Explorer aumenta varo dopo varo e questo, unito al rispetto – ancora una volta - dei tempi previsti contrattualmente, ci rende veramente orgogliosi” dichiara Vasco Buonpensiere, Direttore Commerciale del Cantiere. “Ci teniamo inoltre a sottolineare come il successo del Darwin 102, con le quattro unità già vendute, confermi la intelligenza e l’efficacia delle scelte progettuali di fondo: un vero superyacht explorer paragonabile a yacht largamente sopra le 300 GRT, con la facilità di gestione di uno yacht di 24 metri”.

Il Presidente di Cantiere delle Marche, Gabriele Virgili, aggiunge: “I risultati gestionali in costante crescita, le 6 unità in costruzione tutte sopra i 100 piedi, il riconoscimento internazionale che culmina quest’anno con ben due barche in Finale agli World Superyacht Awards, sono sicuramente grandi soddisfazioni per chi ha iniziato quest’avventura poco più che 5 anni fa. Ma la più grande gioia ed il senso più importante di questo successo penso che sia nella soddisfazione e nell’orgoglio dei nostri clienti che navigano in tutto il mondo sui nostri Explorer. Si è creata una vera e propria comunità di amici accomunati dalla stessa passione e dall’orgoglio di possedere un Cantiere delle Marche: veri e propri testimonial spontanei del nostro brand. E questo è il miglior risultato che un’azienda possa ottenere sotto tutti i punti di vista”.

Il progetto degli interni è frutto di un lavoro a “4 mani” tra il designer Simon Hamui che per conto dell’armatore ha definito gli aspetti di stile e decoro, e lo studio PFA di Fano che invece si è occupato della definizione dei piani generali, dello space planning e della gestione del progetto di interni. Uno stile moderno e contemporaneo, di respiro internazionale, grazie al mix tra il lavoro di abili artigiani italiani che hanno vestito l’imbarcazione di tessuti, legni e pelli come fosse un abito sartoriale e elementi di arredo dei più importanti marchi di design italiani come Flexform, Baxter, Dedon. Il fly, particolarmente accogliente e conviviale, ospita una piscina idromassaggio rivestita di mosaico di Murano.